Forma di Governo: Monarchia costituzionale
Superficie: 243 269 kmq
Popolazione: 65 110 034 ab. (stima 2015)
Densità: 267,65 ab./kmq
Coordinate: lat. 62° - 49° N; long. 8° W - 2° E
Capitale: Londra=London 8 673 713 ab. (2015); Grande Londra (area urbana) 10 236 000 ab. (2015); Grande Londra 8 673 713 ab. (2015)
Unità monetaria: lira sterlina (100 pence)
Indice di sviluppo umano: 0,907 (14° posto)
Sovrano: Regina Elisabetta II, dal 6-II-1952
Primo Ministro: Theresa May (Conservatori), dal 13-VII-2016
Camera dei Comuni: seggi in base alle elezioni del 7-V-2015: Conservatori (centro-destra), 331; Laburisti (centro-sinistra), 232; SNP (nazionalisti scozzesi), 56; LibDem (liberaldemocratici), 8; DUP (Partito democratico unionista), 8; SF (Sinn Féin, repubblicani nord-irlandesi) 4; PC (nazionalisti gallesi), 3; SDLP (socialdemocratici nord-irlandesi), 3; UKIP (euroscettici), 1; altri, 3
Internet: www.ons.gov.uk (Office for National Statistics)
Membro di Commonwealth, Consiglio d'Europa, EBRD, NATO, OCSE, ONU, OSCE, osservatore OAS, UE, WTO

Regno Unito

United Kingdom, United Kingdom of Great Britain and Northern Ireland
Informazioni utili

Sigla automobilistica GB
Prefisso telefonico internazionale 0044
Documenti d’ingresso Carta d'identità o Passaporto
Vaccinazioni richieste nessuna
Tensione elettrica (Volt) 230/240
Patente di guida italiana
Corsia di guida sinistra
Codice internet .uk

Ora GMT  0
Ora legale  +1
Durata ora legale fine marzo-fine ottobre

Temperatura media annua (°C) Londra 10,1; Belfast 8,6; Edimburgo 8,7; Manchester 9,5
Temperatura media gennaio/luglio (°C) Londra 4/17; Belfast 3,5/14,5; Edimburgo 3,5/14,5; Manchester 3,5/16
Ore di sole giornaliere giugno/dicembre (media) Londra 7/1; Belfast 5,5/1; Edimburgo 6/1; Manchester 6/1,5
Precipitazioni medie annue (mm) Londra 740; Belfast 875; Edimburgo 655; Manchester 810
Giorni di pioggia (media annua) Londra 116; Belfast 177; Edimburgo 125; Manchester 140

Geopolitica e attualità

Il 23-VI-2016 gli elettori britannici hanno votato a maggioranza per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, dando così avvio, per la prima volta nella storia dell’integrazione europea, a un processo politico che porterà all’uscita di uno stato membro dall’UE. I voti ottenuti dall’opzione “leave” (lasciare l’UE) sono stati il 52%. In controtendenza con il voto nazionale, gli elettori di Scozia e Irlanda del Nord hanno votato in maggioranza per l’opzione “remain” (restare). Il Parlamento britannico dovrà ora dar seguito al referendum consultivo, conferendo al governo il mandato per attivare l’art. 50 del TUE e iniziare i negoziati per l’uscita del paese dall’UE. Il risultato del referendum ha avuto effetti dirompenti sul quadro politico britannico. All’indomani del referendum, il premier David Cameron - che aveva indetto la consultazione dopo le elezioni del 2015 e aveva fatto campagna elettorale per restare nell’UE a seguito degli accordi raggiunti per assicurare a Londra speciali condizioni all’interno dell’Unione - ha annunciato le dimissioni da Primo Ministro, aprendo un serrato confronto per la successione all’interno del Partito Conservatore. La sfida si è conclusa con la vittoria del Ministro degli Interni Theresa May, divenuta leader del partito e, il 13-VII-2016, la seconda donna nella storia britannica ad assumere la carica di Primo Ministro. Il programma di governo è incentrato sulle negoziazioni per l’uscita dall’UE. May ha nominato Ministro degli Esteri l’euroscettico Boris Johnson, tra i principali oppositori di Cameron ed esponente di primo piano del fronte del “leave”.
Sul fronte dell’opposizione, il socialista Jeremy Corbyn, leader dei Laburisti dal 12-IX-2015, è stato sfiduciato dai deputati del proprio partito per aver sostenuto debolmente l’opzione della permanenza del Regno Unito nell’UE. Le primarie per la conferma o meno di Corbyn alla guida del partito si concluderanno nel settembre 2016. La sfidante del leader uscente è la gallese Owen Smith. A seguito dell’esito referendario, la premier scozzese Nicola Sturgeon ha evidenziato il voto scozzese in controtendenza rispetto a quello nazionale e non ha escluso l’apertura di un percorso che potrebbe portare a un nuovo referendum per l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito.

Confini e territorio.
Comprende l’isola della Gran Bretagna (ripartita in Inghilterra, Galles e Scozia) l’Irlanda del Nord e circa 5000 isole minori tra cui le Orcadi, le Shetland e le Ebridi. L’Irlanda del Nord confina a W e a S con l’Eire; per il resto il Regno Unito ha confini marittimi: l’Oceano Atlantico a N, a SW e a NW, il Mare del Nord a E, la Manica a S e il Mar d’Irlanda a W.
Le coste sono molto articolate, con penisole e profonde insenature. Nel Mar d’Irlanda il Solway Firth separa la Scozia dall’Inghilterra. In quest’ultima la Cornovaglia e il Galles, separati dal Canale di Bristol, formano due ampie penisole. Nel rilievo è netto il contrasto tra le parti settentrionale e occidentale, prevalentemente montuose, e la parte sudorientale in prevalenza pianeggiante. La morfologia risulta complessa perché il rilievo consta di gruppi e massicci separati (da N a S, North West Highlands, mt. Grampiani, Southern Uplands, mt. Pennini e mt. Cambrici), la cui altezza digrada da N a S (Ben Nevis in Scozia, 1343 m).
I principali fiumi sono il Tamigi, il Severn, l’Humber, il Tyne, il Mersey e il Clyde. La Scozia conta anche numerosi laghi: il più vasto è il Loch Lomond, ma il più esteso di tutto il Regno Unito è l’irlandese Lough Neagh.
Il clima prevalente è temperato fresco, oceanico con umidità costante. I caratteri fisici dell’Irlanda del Nord sono simili a quelli del resto dell’Irlanda.

Ordinamento dello Stato


Alla fine della Seconda guerra mondiale, il Regno Unito governava ancora un vasto impero coloniale e aveva lo status di grande potenza. La perdita delle colonie (a partire dall’India nel 1947) e la diminuita influenza internazionale nel nuovo contesto bipolare hanno ridotto il paese al rango di media potenza europea.
L’ingresso nella CEE nel 1973 ha segnato l’inizio di un contrastato processo di integrazione con il continente concluso con il referendum del 24-VI-2016, che ha sancito l’avvio di un processo politico per l’uscita del paese dall’UE. Permangono stretti rapporti con i paesi del Commonwealth. È dato costante della politica britannica il tradizionale rapporto privilegiato con gli Stati Uniti che si è sempre esplicitato in un allineamento alle scelte di Washington, in particolare nelle campagne di Afghanistan e Iraq dopo il 2001. Nel 2011 il Regno Unito ha preso parte alle operazioni belliche in Libia.
In Irlanda del Nord, dopo anni di attentati e guerriglia tra protestanti unionisti e cattolici indipendentisti, è stato firmato l’accordo di pace “del Venerdì Santo” (10-IV-1998).
Dopo l’insediamento nel 1999 di un governo autonomo misto, si è avviato un tentativo di concessione dell’autogoverno alla regione, ma la situazione di impasse istituzionale è continuata fino al 2005, quando l’IRA ha annunciato la fine della lotta armata. Nel 2007 si è formato il primo governo con esponenti del Sinn Féin e degli estremisti unionisti (DUP).
Non regolato da una Costituzione scritta, il sistema britannico è di tipo parlamentare. La Camera dei Comuni è formata da 650 membri eletti con mandato di 5 anni in collegi uninominali; la Camera dei Lord (755 membri: 641 pari a vita, 89 membri ereditari e 25 ecclesiastici) ha perso dal 1911 ogni effettivo potere politico. Il governo è presieduto dal Primo Ministro (nominato dal sovrano nella persona del leader del partito di maggioranza); al suo interno il gabinetto, formato dai titolari dei più importanti ministeri, è responsabile delle maggiori decisioni politiche.
La Scozia e il Galles godono di un’ampia autonomia (secondo il principio della devolution).


Difesa.
Il paese dispone di un deterrente nucleare strategico installato su sottomarini. Il ritiro del contingente in Iraq si è completato nel 2009. In Afghanistan è presente un contingente di quasi 8000 effettivi che ha subìto 454 perdite (al luglio 2015). Il paese prende parte agli attacchi aerei contro le milizie fondamentaliste sunnite in Iraq (dal 2014) e in Siria (dal 2015). Il servizio militare è volontario.


Giustizia.
L’ordinamento giudiziario è fondato sul sistema della Common Law, che si basa non su un corpus di leggi codificate, ma sul valore vincolante dei precedenti giudiziari. La corte di ultima istanza è la Corte Suprema, formata da 12 giudici.

Difesa
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Aviazione21,3%2013
Esercito59%2013
Giustizia
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Crimini6 536,5ogni 100 000 ab.2012
Omicidi1ogni 100 000 ab.2013
TOP

Divisione amministrativa

Divisione amministrativa
Divisione amministrativa
1Contee metropolitane
Divisione amministrativa
Divisione amministrativa
Divisione amministrativa
Città
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Londra=London8 673 713ab.2015
Birmingham1 101 400ab.2014
Agglomerati
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Grande Londra (area urbana)10 236 000ab.2015
Grande Londra8 673 713ab.2015
TOP

Popolazione

Popolazione per età e sesso (% - 2015)
75+
60-74
45-59
30-44
15-29
0-14
MASCHIETÀFEMMINE

Numerosi sono gli stranieri, provenienti dall’Irlanda e dai paesi del Commonwealth. Significativa l’immigrazione dai paesi dell’Europa orientale (soprattutto polacchi).

Dati Demografici
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Crescita annua0,6%2010-2015
Divorzi2,12012
Stranieri
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Stranieri5 422 094unità2015
Polacchi849 000unità2014
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Bengali0,7%2011
bianchi87,1%2011


Religioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
cristiani59,3%2011
non religiosi/atei25,1%2011


Lingue
DESCRIZIONE
inglese
Popolazione % fasce età
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
0-14 anni17,4%2015
15-29 anni19,4%2015


TOP

Economia


Congiuntura economica.
L’esito del referendum sull’uscita dall’Unione Europea ha portato a una revisione al ribasso delle stime di crescita dell’economia, che nel 2016 dovrebbe crescere solo dell’1,5% e rallentare ulteriormente nel 2017. A seconda delle forme che assumerà il negoziato per l’uscita dall’UE, la Brexit potrebbe avere effetti più o meno deleteri per l’economia britannica. Nell’immediato, la brusca svalutazione della sterlina sull’euro ha portato a una contrazione della domanda interna.
Le nuove prospettive geopolitiche hanno inoltre rapidamente rallentato gli investimenti esteri e i flussi di capitale, deviati verso altri paesi dell’UE.

Economia - Dati generali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Aiuti verso l'estero13 739ml $ USA2011
Aiuti verso l'estero % PIL0,6% PIL2011
Economia - Occupazione
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
F46,6%2015
M53,4%2015
Economia - Disoccupazione
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Disoccupazione50,3%2015
F45,1%2015
Economia - Bilancio dello Stato
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
entrate724 038ml vl2015
spese788 448ml vl2015
Forza Lavoro per settore
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
primario1,2%2015
secondario16%2015
PIL per settore
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
primario0,7%2015
secondario19,4%2015
Dati Finanziari
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Moneta circolante74,3md vl2015
Riserve internazionali129 620,3ml $ USA2015
TOP

Agricoltura


Settore primario
Agricoltura e foreste.
L’agricoltura britannica non copre il fabbisogno alimentare del paese.
I cereali più importanti sono il frumento e l’orzo, coltivati soprattutto nelle regioni centrali e sudorientali; in Scozia e in Irlanda del Nord prevalgono l’avena e la segale. Rilevante è la coltivazione delle patate.
Fra le colture industriali prevale la barbabietola da zucchero; di rilievo sono anche le produzioni di lino e di luppolo. Le colture ortofrutticole sono concentrate sulla costa sudorientale. Le foreste, che coprono circa un decimo del territorio, sono moderatamente sfruttate.
Allevamento e pesca.
L’allevamento contribuisce per oltre 2/3 al reddito del settore primario. Il ricco patrimonio zootecnico (ovini, bovini e suini) alimenta discrete esportazioni di carne e di lana, di cui il Regno Unito è uno dei maggiori produttori mondiali.
L’attività peschereccia è diffusa. I principali porti dell’Inghilterra e del Galles sono Grimsby, Hull, Fleetwood, North Shields, Milford Haven e Lowestoft per il pesce bianco; Great Yarmouth e Lowestoft per l’aringa. I maggiori porti scozzesi sono Aberdeen, Peterhead, Fraser­burgh, Mallarg, Granton, Lerwick e i porti del Moray Firth (per la pesca dell’aringa).

Utilizzazione del suolo
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
arativo26,08%2013
foreste12,86%2013
Agricoltura produzioni - cereali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
avena8281000 t2014
cereali24 5051000 t2014
Agricoltura produzioni - tuberi e radici
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
patate4 2131000 t2014
radici e tuberi4 2131000 t2014
Agricoltura produzioni - ortaggi
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
asparagi4,921000 t2013
carote e rape696,21000 t2013
Agricoltura produzioni - leguminose da granella
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
fagioli14,541000 t2013
fave secche125,41000 t2014
Agricoltura produzioni - vite
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
uva0,8171000 t2013
Agricoltura produzioni - piante oleifere
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
colza2 4601000 t2014
Agricoltura produzioni - piante industriali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
barbab. zucch.8 4301000 t2014
luppolo1,651000 t2013
Agricoltura produzioni - lino
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
lino fibra141000 t2013
lino semi391000 t2014
Agricoltura produzioni - frutta, bacche
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
ciliegie3,4621000 t2013
fragole94,3731000 t2013
Agricoltura produzioni - altri
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
funghi79,51000 t2013
Agricoltura superfici - cereali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
avena1371000 ha2014
frumento1 9361000 ha2014
Agricoltura superfici - tuberi e radici
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
patate1401000 ha2014
Agricoltura superfici - ortaggi
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
carote e rape11,1171000 ha2013
cavolfiori17,4591000 ha2013
Agricoltura superfici - leguminose da granella
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
fagioli1,621000 ha2013
fave secche21,41000 ha2014
Agricoltura superfici - vite
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
vite0,5151000 ha2013
Agricoltura superfici - piante oleifere
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
colza6751000 ha2014
Agricoltura superfici - piante industriali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
barbab. zucch.1161000 ha2014
luppolo1,151000 ha2013
Agricoltura superfici - lino
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
lino fibra101000 ha2013
lino semi151000 ha2014
Agricoltura superfici - frutta, bacche
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
ciliegie0,6591000 ha2013
fragole4,6061000 ha2013
TOP

Foreste-Allevamento-Pesca

Foreste
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
legname11 184 042mc2014
Allevamento - Bovini
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
bovini9 8371000 capi2014
bovini e bufalini9 8371000 capi2014
Allevamento - Suini
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
suini4 8151000 capi2014
Allevamento - Ovini
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
ovini33 7431000 capi2014
Allevamento - Caprini
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
caprini901000 capi2014
Allevamento - Equini
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
cavalli4001000 capi2014
cavalli ed equini4001000 capi2014
Allevamento - Volatili o animali da cortile
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
volatili164 6511000 capi2014
Allevamento - Apicoltura
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
miele6,41000 t2013
Allevamento - Prodotti derivati
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
burro1451000 t2013
carne3 641,781000 t2013
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
balene14capi2014
crostacei e molluschi170 218t2014
TOP

Risorse minerarie


Settore secondario
Risorse minerarie.
Il paese possiede una buona produzione di idrocarburi. Il petrolio viene estratto soprattutto dai giacimenti sulla piattaforma continentale del Mare del Nord (Claymore, Forties, Brent, Ninian, Piper, Fulmar); giacimenti minori sono quelli di terraferma di Egmanton e Bothamsell (Nottinghamshire), Plungar (Leicestershire), Gainsborough (Lincolnshire) e Kimmeridge (Dorset).
Estesa è la rete di oleodotti: i principali tratti sono quelli tra Finnart e Grangemouth, tra Purbeck e Southampton, tra Cruden Bay e Grangemouth, tra Tranmere e Heysham. Per il trasporto dei prodotti dalle raffinerie alle zone di consumo sono in funzione gli oleodotti Stanlow-Manchester, Fawley-Severnside, Fawley-Londra, Walton on Thames-Londra. Altri oleodotti trasportano il greggio dai pozzi del Mare del Nord alle raffinerie della costa.
Importanti giacimenti di gas naturale si trovano presso Edimburgo, Esk Dale, Calow, Scarborough, Ironville e nel Mare del Nord.
Di notevole entità sono le riserve di carbone, con importanti giacimenti (in gran parte inattivi) nell’Inghilterra (North Yorkshire, Selby, Nottinghamshire, Derbyshire, Durham, Northumberland, Lancashire, Staffordshire e Warwickshire), nel Galles meridionale e nella Scozia.
Significative infine le riserve minerarie di barite, fluorite, gesso, sale, caolino e sali potassici.
Energia.
Elevata è la produzione di energia elettrica, assicurata per circa il 17% dai 15 reattori nucleari (a Dungeness ‘B’, Hartlepool, Heysham, Hinkley Point ‘B’, Hunterston ‘B’, Sizewell e Torness).
Industria.
L’industria è molto diversificata. La ristrutturazione degli anni ’80 e ’90 del secolo scorso ha favorito la crescita di settori innovativi (in particolare l’elettronico), a scapito soprattutto dell’industria pesante e del tessile.
L’industria siderurgica è concentrata nei distretti del Galles meridionale (Port Talbot, Llanwern), di Cleveland (South Teesside-Lackenby), dell’Humberside (Scunthorpe), di Sheffield, in Scozia (Ravenscraig) e nel Lancashire; altre importanti aree sono lo Staffordshire e il Northamptonshire.
Tra i metalli non ferrosi prevale l’industria dell’alluminio: raffinerie di alluminio si trovano a Fort William, Glasgow, Wrexham e Coleshill. Altri comparti rilevanti sono quelli del piombo e del nichel.
Le principali raffinerie di petrolio sono quelle di Fawley (presso Southampton) ed Ellesmere Port (nel Cheshire); altri impianti sono in funzione a Coryton (sull’estuario del Tamigi), Killingholme, Pembroke, Grangemouth, Milford Haven, Eastham, Dundee e presso Middlesbrough. Rilevante è l’industria chimica, soprattutto nei settori delle materie plastiche e delle resine sintetiche.
La presenza di un ricco giacimento di sale ha determinato l’ubicazione del più antico distretto chimico inglese, quello del Cheshire e Lancashire meridionale.
A Northwich si producono ceneri di soda; a Billingham/Ince, Hull e presso Bristol vi sono fabbriche di ammoniaca; a Newcastle e nelle città satelliti si producono acido solforico, acido cloridrico e acido nitrico; a Wilton (nei pressi di Middlesbrough) è attivo un importante polo chimico; nel Lancashire e nello Yorkshire si producono colori per l’industria tessile locale; grande centro chimico della Scozia è Aberdeen (fertilizzanti azotati).
Un ruolo importantissimo svolge il comparto farmaceutico, grazie alla presenza sul territorio di alcune fra le maggiori multinazionali mondiali. Di un certo rilievo è infine l’industria della gomma (Hythe).
I principali centri di produzione del cemento sono ubicati lungo i fiumi Tamigi (Dartford-Gravesend), Avon (Rugby), Medway e Humber; altri impianti importanti sono ubicati a Ketton, Clitheroe e Mold (Galles settentrionale).
Tra i settori ad alta tecnologia è importante quello nucleare: ad Amersham si producono isotopi e materiali radioattivi usati in medicina, nell’agricoltura e nell’industria.
A Culham, Aldermaston, Foulness e Sheffield vengono condotte ricerche nucleari.
Nel campo delle lavorazioni meccaniche, l’area di Sheffield ha fama mondiale per i suoi acciai di qualità e per la sua coltelleria. Il Lancashire, lo Yorkshire, il Dundee, il Leicestershire e Nottingham si sono specializzati nelle macchine tessili. A Manchester, Birmingham, Glasgow, Newcastle e Darlington si producono carri ferroviari; a Manchester, Glasgow, Darlington, Crewe, Derby, Swindon, Doncaster, Ashford e Eastleigh si producono locomotive. Fabbriche di biciclette si trovano a Brentford, Coventry, Birmingham, Nottingham, e Daventry.
Si è molto ridotta la produzione di automobili e di veicoli commerciali (fabbriche a Coventry, Cowley, Nottingham, Paisley, Scotston, Bridgeton e Dagenham).
L’industria aeronautica, che vanta grandi tradizioni e un elevato livello tecnologico, ha i suoi centri a Wight, Yeovil, Bristol, Gloucester, Wolverhampton, Coventry, Luton, Derby, Manchester, Preston, Farnborough, Bedford.
È presente un poligono missilistico su South Uist, nelle isole Ebridi. Di rilievo sono anche le costruzioni navali: cantieri a Belfast, Barrow-in-Furness, Glasgow, Plymouth, Portsmouth, Devonport, Faslane e Rosyth. Nel comparto elettromeccanico sono presenti impianti a Dagenham, Coventry, Workington, Stretford, Doncaster, Gainsborough, Leeds, Manchester, Rugby, Tyne­side e Stafford.
Mantengono rilevanza le tradizionali attività tessili. I massimi centri dell’industria dell’abbigliamento sono Londra, Leeds e Manchester. Il settore cotoniero è andato scomparendo nella seconda metà del secolo scorso. Rilevante è ancora quello laniero, il cui maggiore distretto è lo Yorkshire. Attivi sono i comparti delle fibre artificiali.
Di antica origine, anche se fortemente ridimensionate sul finire del XX sec., sono l’industria della concia e del cuoio e in particolare quella calzaturiera.
Il distretto della ceramica comprende le località di Burslem, Fenton, Hanley, Longton, Stoke e Tunstall, che formano la conurbazione di Stoke-on-Trent (The Potteries). Vetreria e cristalleria hanno stabilimenti nelle zone ricche di carbone, in particolare a Glasgow, Londra, Birmingham, Sunderland, Newcastle, Smethwick, Stourbridge e Torrington.
Tra le industrie alimentari è notevole quella della birra che, alimentata dal luppolo del Kent, ha le sue sedi a Londra, nel Lancashire meridionale, a Burton-upon-Trent, Birmingham, Edimburgo; lo Yorkshire, Bristol e Nottingham sono noti per l’industria dolciaria.
Non vanno dimenticati il whisky, soprattutto quello scozzese (esportato in tutto il mondo) e il gin, con impianti di distillazione a Londra.
Rilevante è l’industria cartaria. Centri della lavorazione del tabacco sono Ballymena, Corby, Nottingham.

Risorse Minerarie - Minerali energetici
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
carbone12 840,31000 t2013
carbone (totale)12 840,31000 t2013
Risorse Minerarie - Minerali metalliferi
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
ferro0,11000 t2008
piombo0,11000 t2012
Risorse Minerarie - Minerali non metalliferi
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
barite441000 t2014
feldspati0,51000 t2011
Risorse Minerarie - Rocce
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
calcare55 0001000 t2013
caolino1 1001000 t2015
TOP

Energia

Energia elettrica - Produzione
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
- termica189 000ml kWh2014
- nucleare58 000ml kWh2014
Energia elettrica - Potenza installata
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
- termica66 3231000 kW2012
- altre rinnov.13 8001000 kW2012
Energia elettrica - Totale
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
totale produzione332 700ml kWh2013
totale potenza installata93 7841000 kW2012
TOP

Industria

Industria - Siderurgia e Metallurgia
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
acciaio10 9071000 t2015
alluminio361,91000 t2013
Industria - Meccanica
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
auto1 587 6772015
autoveicoli1 682 1562015
Industria - Meccanica di precisione
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
orologi11 8332013
Industria - Elettrotecnica ed elettronica
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
computer108 0932013
condizionatori974 6862013
Industria - Petrolchimica
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
benzine26 506,71000 t2013
bitume7771000 t2013
Industria - Chimica
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
a. cloridrico238,21000 t2005
a. fosforico1,91000 t2005
Industria - Tessile
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
filati di cotone0,1891000 t2015
filati di lana15,81000 t2015
Industria - Abbigliamento e calzature
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
scarpe3 523 338paia2015
Industria - Alimentare
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
birra4 2421000 t2013
farina di frumento3 669,61000 t2015
Industria - Tabacco
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
sigarette40 976ml unità2014
sigari - t488t2010
Industria - Carta, legno
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
altra carta3 233,9991000 t2014
carta4 392,9991000 t2014
Industria - Lavorazione minerali non metalliferi
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
cemento8 707,11000 t2015
Industria - Varie
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
produzione alimentari e tabacco47 654ml $ USA2013
produzione chimica25 420ml $ USA2013
TOP

Commercio


Settore terziario
Commercio estero.
La bilancia commerciale è in passivo; importante il ruolo dei servizi (finanziari, noli e assicurazioni), in particolare di quelli legati ai movimenti di capitali.
Il paese importa soprattutto manufatti, prodotti chimici e generi alimentari.
I maggiori partner commerciali sono Stati Uniti, Germania, Svizzera, Cina, Francia e Paesi Bassi.


Principali esportazioni (ml $ USA - 2013)
oro 79 121, macchinari 64 752, petrolio e derivati 56 620, auto 38 213, farmaceutici 32 077, apparecchiature elettriche ed elettroniche 24 950, prodotti chimici 24 205, strumenti tecnici ed elettromedicali 18 520, velivoli e loro parti 17 826, ferro e acciaio 16 674, veicoli e loro parti 12 759, plastica 12 103, liquori 8 449, abbigliamento e accessori 7 479, gioielli e preziosi 7 436, oggetti d’arte e antichità 7 035, diamanti 6 733, cosmetici 6 133, apparecchiature per telecomunicazioni 5 972, computer e accessori 5 793, gas naturale 5 110, libri e stampati 4 202, platino 3 659, pneumatici e articoli in gomma 3 639, coloranti 3 612, carta 3 610, mobili e complementi 3 155, argento 2 993, alluminio 2 922


Finanza e banche.
Il sistema bancario, molto sviluppato e diversificato, è governato dalla Banca d’Inghilterra.
Il Regno Unito non fa parte dell’Unione economica e monetaria europea (UEM) e ha mantenuto la sterlina come moneta nazionale. Di grande rilievo è il mercato finanziario: la borsa di Londra (London Stock Exchange) è la più importante d’Europa. Di rilievo internazionale è anche il mercato assicurativo.
Diversi territori esterni e dipendenze del Regno Unito (Gibilterra, Anguilla, Bermuda, Cayman, Isole Vergini Britanniche, Turks e Caicos, Man, Isole del Canale), sono stati ripetutamente censurati dall’OCSE come “paradisi fiscali”.

Composizione export merci
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
manufatti73,822% tot. export merci2014
carburanti11,763% tot. export merci2014
Commercio Estero con Paesi - Esportazioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Stati Uniti69 325ml $ USA2015
Germania46 439ml $ USA2015
Commercio Estero con Paesi - Importazioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Germania94 074ml $ USA2015
Cina62 980ml $ USA2015
Esportazioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
2015460 445,717ml $ USA -
2014505 204,769ml $ USA -
Importazioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
2015625 806,041ml $ USA -
2014690 466,087ml $ USA -
TOP

Turismo


Turismo. Il Regno Unito è fra i paesi preferiti dal turismo internazionale. Le mete principali sono Londra e le città universitarie, dove molti stranieri soggiornano per studiare la lingua.

Turismo internazionale
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Entrate62 830ml $ USA2014
Ingressi32 613 000unità2014
TOP

Comunicazioni


Trasporti.
Le ferrovie britanniche, che dispongono di una rete sviluppata, sono state privatizzate a partire dal 1993.
Il tunnel sotto la Manica e una linea ad alta velocità assicurano il collegamento ferroviario con Lille, Bruxelles e Parigi. Molto fitta e articolata è la rete stradale.
Il trasporto aereo può contare su ottime infrastrutture aeroportuali e la principale compagnia (British Airways) è tra le maggiori al mondo. Rilevante per il trasporto delle merci è la rete interna di fiumi e canali navigabili.


Media e telecomunicazioni.
L’editoria quotidiana e periodica britannica annovera una serie di testate prestigiose (“The Times”, “Financial Times”, “The Guardian”, “The Economist”) e testate popolari a larghissima diffusione (“The Sun”, “Daily Mirror”).

Comunicazioni - Trasporti
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Autostrade3 769km2015
Autoveicoli35 581 168unità2015
Comunicazioni - Media e telecomunicazioni
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Computer802ogni 1000 ab.2008
Giornali quotidiani308ogni 1000 ab.2007
TOP

Statistiche sociali


Istruzione e ricerca.
L’istruzione primaria (dai 5 agli 11 anni di età) e quella secondaria (dagli 11 ai 16 anni di età) sono entrambe obbligatorie e gratuite.


Protezione sociale e sanità.
Il sistema pubblico assicura i lavoratori contro le perdite di reddito dovute a disoccupazione, maternità e malattia; provvede al pagamento di un salario minimo, pensioni, aiuti alla maternità, assegni familiari e indennizzi per infortuni sul lavoro; sono previste varie forme di aiuto per le categorie più deboli.

Statistiche Sociali - Istruzione
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Aspettativa di vita scolastica17,9anni2014
Durata media della scolarizzazione13,1anni2014
Statistiche Sociali - Tasso di scolarità
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Insegnanti 1° livello272 430unità2014
Insegnanti 2° livello414 227unità2014
Statistiche Sociali - Protezione sociale
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Spesa dello Stato per la protezione soc.28,1% PIL2013
Spesa dello Stato per la protezione sociale37,2% delle spese totali2013
Statistiche Sociali - Sanità
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Medici2,8ogni 1000 ab.2015
Posti letto osp.2,7ogni 1000 ab.2014
Statistiche Sociali - Malattie
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
AIDS0,3% adulti2013
Aids totale0,05%2001
Musei
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Visitatori musei34 700 000unità2003-04
Ricerca
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Spesa per la ricerca1,7% PIL2014
Altri Indicatori Sociali
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
Accesso ai servizi sanitari99,210%2015
Accesso all'acqua potabile100%2015
Consumi delle Famiglie
DESCRIZIONEVALOREUNITÀ MISURAANNO
abbigliamento, calzature5,7%2015
abitazione, energia, acqua30,4%2015
TOP